Cos'è il recupero

Non esiste una definizione univoca del termine "recupero".

Recupero, ad esempio, può stare per recuperare:

  • la propria serenità;
  • se stessi;
  • la propria dignità;
  • il proprio rispetto;
  • il proprio tempo;
  • ....

Nell'elenco si può aggiungere qualunque cosa sia necessaria per il proprio star bene. Il mio processo di recupero è unico, come unico sono io come persona, ma molto spesso è simile nelle soluzioni a quello degli altri miei amici dell'associazione.

Molti di noi hanno raggiunto la convinzione che queste soluzioni possano essere trovate nel programma di Co-Dipendenti Anonimi grazie agli strumenti che esso offre:

l'associazione, le riunioni, la sponsorizzazione, la letteratura, le conferenze, le conventions, il servizio e i Dodici Passi e le Dodici Tradizioni di CoDA.

 

I Dodici Passi di CoDA sono nati dall'adattamento al nostro scopo dei Passi degli Alcoolisti Anonimi, come è avvenuto per molti altri programmi analoghi: in tutto il mondo sono milioni le persone che hanno messo in pratica quei concetti nella loro vita.

 

I Passi sostengono l'energia e la disposizione al recupero personale: diventiamo sempre più ben disposti a lavorare su di essi al meglio delle nostre capacità e cerchiamo di essere il più possibile onesti con noi stessi, con il nostro Potere Superiore e di fronte a un'altra persona. I tentativi di mettere i passi in pratica a metà lasciano il più delle volte una sensazione di sconfitta e i cambiamenti che si ottengono in questi casi spesso non durano a lungo. Se tentiamo di fare i passi da soli rischiamo di mantenere viva la tendenza all'autoisolamento, che è un tipico atteggiamento codipendente. Con il procedere del recupero molti di noi scoprono di aver bisogno dell'aiuto amorevole di quelli che hanno già fatto questo cammino prima di loro, gli sponsor, i quali possono offrire intuizioni, incoraggiamento e sostegno; essi ci aiutano a comprendere che questi Passi non possono essere fatti alla veloce o in modo definitivo: non sono una scorciatoia.

 

I Passi ci portano fuori dal binario dei comportamenti autodistruttivi verso relazioni sane e amorevoli con Dio, con noi stessi e con gli altri: attraverso di essi cresciamo, stabiliamo una scala di priorità fra i diversi rapporti e riceviamo una guida per vivere in modo salutare e affettivamente ricco.

Possiamo, grazie alla loro struttura molto semplice, scoprire chi siamo veramente e che cosa possiamo fare per avere relazioni sane e affettuose: essi ci aiutano a vedere in che modo le nostre esperienze passate di abuso e abbandono hanno strutturato e rafforzato i nostri comportamenti e modi di vivere codipendenti.

Impariamo a lasciare le nostre pretese di potenza, i nostri problemi e le nostre varie dipendenze a un Potere Superiore amorevole: affidiamo tutta intera alle sue cure la nostra vita, la nostra volontà e la nostra guarigione. Ci assumiamo inoltre la responsabilità dei comportamenti codipendenti che rafforzano in noi schemi di vita devastanti, cresciamo in umiltà riconoscendo i nostri punti deboli e i nostri difetti di carattere ma anche le nostre abilità, le nostre doti e i nostri successi; a partire da questa condizione di umiltà facciamo tutto ciò che è in nostro potere per correggere i nostri errori e cerchiamo anche di completare l'opera aiutando le nostre ferite, e forse anche quelle di coloro a cui abbiamo fatto del male, a guarire.

 

Nel nostro lavoro sui Passi ci sforziamo ogni giorno di assumerci e mantenere la responsabilità dei nostri atti e impariamo a rendere sempre più robusto e profondo il nostro rapporto col Potere Superiore: per rassicurarci sul nostro valore, la nostra auto-valutazione e il nostro benessere più autentici facciamo liberamente assegnamento su di lui e comprendiamo infine che se vogliamo conservare per noi ciò che abbiamo raggiunto attraverso l'opera dei Dodici Passi dobbiamo impegnarci a trasmettere l'esperienza, la forza e la speranza del nostro recupero a coloro che soffrono ancora per la codipendenza.

 

Il nostro viaggio attraverso i Passi potrebbe rivelarsi l'opera più difficile che abbiamo mai affrontato, ma la ricompensa che ne ricaviamo in termini di guarigione è incommensurabile; col tempo, poi, i Passi entrano a fare parte integrante della nostra vita quotidiana in quanto questi principi li applichiamo in tutti i campi della nostra esistenza.

 

 

Quello che segue è l'elenco degli strumenti di recupero che in CoDA abbiamo tutti a disposizione: