Rapporti vittima e carnefice

Lettera a mister Hyde

Ho ricevuto, grazie a Dio, una telefonata che mi ha distratto dalla mia tristezza.
Dopo aver parlato con la sponsorizzata delle sue questioni, mi sono sentita alleggerita di un poco dalle emozioni in circolo.
Avevo già messo nel mio “vaso della posta a Dio” il mio affidamento, e mi stavo chiedendo perché amavo tanto stare attaccata a questo sentimento.

Cosa è CoDA per me

La frequentazione dei gruppi e il lavoro sul Programma, con l'aiuto del mio Sponsor, mi hanno dato quella speranza nella vita che non provavo più da tanto tempo. I problemi li affronto in modo diverso e con l'aiuto del mio Potere Superiore, come io lo posso concepire mi sento libera di fare le mie scelte, finalmente sapendo che ho la possibilità di scegliere.

 

L'amore è un'altra cosa

Nell'estate 2006, una donna che frequentava un gruppo Coda, conosciuta in vacanza, sentendo i racconti delle mie sfortunate relazioni con gli uomini, mi informò dell'esistenza del gruppo nella mia città. Mi sono avvicinata al gruppo con titubanza ma ben presto mi sono riconosciuta in molti comportamenti codipendenti elencati nella letteratura e nelle storie dei compagni di percorso.